Microcredito per Startup: Cos’è, Come Ottenerlo, Novità 2022

Il ministero dello sviluppo economico, MISE, disciplina il cosiddetto Microcredito alle piccole e medie imprese. Le disposizioni riguardanti questa forma di finanziamento erano disciplinate, fino alla fine del 2021, dal decreto 146/2014 e decreto del 18 Marzo 2015 proprio del MISE. A partire dal primo gennaio 2022 entra in vigore la Legge di bilancio 2022, approvata alla camera con 355 voti favorevoli e 45 contrari. Questa legge introduce alcuni importanti cambiamenti ed agevolazioni rispetto alle normative precedenti. Ma procediamo con ordine e cerchiamo innanzitutto di capire cos’é il microcredito e quali erano i requisiti per ottenerlo prima della nuova legge di bilancio.

Cos’é il Microcredito

Il microcredito é una forma di finanziamento riservata a tutti quegli imprenditori che, pur avendo le potenzialità e le idee per creare una start-up, non ne hanno le possibilità economiche. Si tratta di piccoli imprenditori che il sistema bancario classico non ritiene affidabili: per loro é impossibile accedere ad un prestito di denaro nella forma tradizionale per far fronte alle spese fisiologiche di creazione di un’impresa.

Per essere meno formali, il microcredito é una forma di finanziamento basata sulla fiducia che la banca ripone nell’imprenditore e nel suo progetto, non sulle sue garanzie economiche ed il suo storico. Il prestito viene erogato sempre da un ente bancario, ma lo stato si porta garante per l’imprenditore presso la banca che ha creduto nel progetto. Ciò vuol dire che se non si pagano le rate di rimborso del microcredito diventiamo debitori dello stato, mentre la banca sarà credititrice dello stato.

Grande importanza ai fini dell’ottenimento di un microcredito viene data da chi eroga il prestito, all’idea imprenditoriale, alla sua fattibilità ed al business plan che lo sorregge. Prima dell’entrata in vigore della legge di bilancio la cifra massima erogata dalle banche a titolo di microcredito era di 40mila euro (35 mila più altri 5000 erogati se si rispettavano determinate caratteristiche di puntualità nei pagamenti e coerenza del progetto).

I Requisiti Necessari per Ottenere un Microcredito 

L’accesso al microcredito é riservato unicamente alle piccole e medie imprese. In particolare potrete beneficiare di questa forma di finanziamento se:

  • Siete liberi professionisti con una partita IVA aperta meno di 5 anni fa.
  • Avete una ditta individuale con meno di 5 dipendenti. Meno di 10 se rappresentate una società.
  • Avete un’attivo patrimoniale di massimo 300mila euro annui.
  • Avete ricavi inferiori a 200mila euro lordi.
  • Avete un indebitamento di meno di 100mila euro per l’esercizio in corso.

Come Ottenerlo: Come Accedere al Microcredito

Per accedere al microcredito bisogna iscriversi sulla piattaforma del MISE e presentare domanda per prenotare un certificato di garanzia, ovvero il documento nel quale lo stato italiano si impegna a garantire l’80%, in alcuni casi il 100%, della somma che intendi farti finanziare fino al limite massimo di cui abbiamo già parlato.

Alla fine delle procedura d’iscrizione e di presentazione della domanda, durante le quali dovrete fornire le vostre generalità ed una descrizione precisa del vostro progetto, la piattaforma vi attribuisce un codice identificativo col quale potrete andare in una delle banche aderenti al progetto microcredito e chiedere il vostro finanziamento. Avete cinque giorni lavorativi di tempo per farvi accordare il prestito. Visto che questo periodo é abbastanza breve, é consigliabile presentare il vostro progetto prima di effettuare la vera e propria richiesta formale sulla piattaforma, in modo che la persona che eroga il contributo finanziario abbia un periodo di tempo più lungo per analizzarne le caratteristiche e le potenzialità.

Se l’ente a cui avete presentato domanda alla fine dei 5 giorni vi concede l’aiuto economico, allora avrete 60 giorni di tempo per presentare domanda di ammissione alla garanzia da parte di un individuo abilitato ad operare con il fondo.

Microcredito per startup
Microcredito per startup

Bandi e Novità per il 2022

Con l’entrata in vigore della legge di bilancio 2022 vengono introdotti due cambiamenti maggiori:

  • L’importo massimo del prestito che i micro-imprenditori possono chiedere viene innalzato a 75 mila euro, in alcuni casi fino a 100mila euro, rimborsabili in 15 anni.
  • Vengono abrogati i limiti patrimoniali e di bilancio imposti dai precedenti decreti. Potranno dunque presentare domanda senza preoccuparsi del loro bilancio i lavoratori autonomi e le imprese individuali con meno di 5 dipendenti e in attività da meno di 5 anni. Siccome le società nate meno di 5 anni fa e che contano meno di 10 dipendenti. 

Ulteriori Informazioni

Il microcredito non viene erogato in un unica soluzione. All’inizio vi viene accreditato circa il 20% della cifra totale e poi sarete liquidati fino ad un valore massimo dell’80% della cifra totale richiesta. Infine se avrete pagato puntualmente tutte le rate del vostro mutuo ed avrete sostenuto e giustificato spese coerenti col vostro progetto, vi verranno versati negli ultimi sei mesi i soldi restanti.

Il vostro prestito dovrà necessariamente andare a coprire le spese legate a:

  • beni della vostra impresa (affitti, apparecchiature, materie prime, merci, ecc.)
  • stipendi di dipendenti, soci e collaboratori esterni
  • corsi di formazione per l’imprenditore e per i suoi dipendenti, per migliorare il know-how della nuova società e creare esperti più competenti

Tutte le spese sostenute al di fuori di queste categorie saranno considerate improprie.

Non tutte le aziende possono richiedere un microcredito: oltre alle limitazioni già citate, bisogna precisare che solo le aziende operanti in alcuni settori ne hanno diritto. Per visualizzare l’elenco completo vai sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, li troverai tutte le informazioni necessarie.

Attualmente in Italia sono due le banche a cui puoi rivolgerti per ottenere il tuo prestito garantito dallo stato: Banca di Credito Cooperativo di Roma e dell’Umbria (BCC), Banca Popolare dell’Emilia-Romagna (BPER) Basilicata e Sicilia. Se hai bisogno di aiuto per la presentazione della domanda esistono numerose società di consulting a cui rivolgersi, per essere sicuri di raggiungere il risultato desiderato.

Leave a Reply